evil nazi sharia for dhimmi slaves

[ Iran sta preparando i suoi studenti a costruire le bombe atomice fuori del territorio nazionale! quindi con  droni si potrebbe colpire ogni parte del mono.. ] NORVEGIA. Arrestati 64 studenti iraniani sospettati di apprendere tecniche per costruire armi. apr 12th 2014 | di Ehsan Soltani. Le autorità norvegesi hanno arrestato negli ultimi giorni 64 studenti iraniani sospettati di essere stati inviati dalla Repubblica islamica nel paese europeo al fine di apprendere le tecniche per la costruzione di armi di distruzione di massa fra le quali ordigni nucleari. A darne notizia è TV2 (vedi) uno dei principali canali televisivi norvegesi dove Arne Christian Haugstøyl uno dei responsabili del PST (Norwegian Police Security Service) ha spiegato che "sono oltre 300 gli studenti pervenuto dall'Iran" e che alla base degli arresti vi è il fatto che viene ritenuto illegale l'invio di giovani nel regno per apprendere tecniche che possano essere impiegate per la costruzione di armi di distruzione di massa. "Da qualche tempo abbiamo notato un crescente invio di studenti – ha aggiunto Haugstøyl – interessati allo studio della fisica nucleare della meccanica e dell'elettronica". Il ministero dell'Interno ha intanto emesso una circolare ai college ed alle università del paese per ricordare che essi hanno il dovere di impedire l'esportazione di conoscenze tecniche all'estero. 322 sharia 666 è inutile che voi protestate.. i Governatori degli Stati del Nord della Nigeria nella Moschea della Capitale hanno comprato con troppi soldi le conversione dal cristianesimo all'Islam di alcuni scellerati che hanno sputato sul sangue dei martiri cristiani!.. quindi non potete dire noi siamo innocenti di quello che i Boko Haram stanno facendo perché questo vostro gesto criminale: di comprare le conversioni in Nigeria utilizzando i Governatori delle regioni del Nord è la prova che esiste un solo raccordo mondiale tra i terroristi jiadista della galassia alQaeda e la LEGA ARaBA! c'è una sola sharia per satana sinagoga talmud perché l'odio del razzismo non ha importanza se si chiama dhimmi dalit o goym quello che è importante è che voi siete un solo regno di satana sotto la potestà autorità sempre agli ordini dei farisei massoni Illuminati Spa FMI scam Spa! [ la mattanza della LEGA ARABA sharia che l'Occidente non vuole vedere perché ha deciso di uccidere Israele e la civiltà ebraicocristiana! ]

la mattanza della LEGA ARABA sharia che l'Occidente non vuole vedere perché ha deciso di uccidere Israele e la civiltà ebraicocristiana! ] http://www.notiziegeopolitiche.net/?p=39981
NIGERIA. Boko Haram: 19 vittime in tre attentati
apr 12th 2014 | By redazione 1 | Category: Qui Africa Subsahariana Ultimissime
di Giacomo Dolzani
È di 19 morti il bilancio di tre distinti attacchi avvenuti tra giovedì e venerdì nello stato nigeriano del Borno situato nella parte nordorientale del paese africano al confine con Chad Camerun e Niger; non è ancora giunta alcuna rivendicazione riguardante l'accaduto ma con tutta probabilità i responsabili sono i guerriglieri del gruppo qaedista Boko Haram resosi protagonista di recente di altre azioni analoghe.
Nella città di Dikwa testimoni hanno riferito che un gruppo di guerriglieri ha assaltato una scuola uccidendo sei insegnanti due membri della sicurezza e rapendo successivamente diverse donne.
Vicino al villaggio di Dalwa e in seguito nella città di KalaBalge una dozzina di miliziani avrebbero dato fuoco a diverse case bloccando le strade e sparando sulla folla.
Per contrastare questa sempre più intensa ondata di violenza il governo di Abuja ha dato il via ad un'operazione su vasta scala con il fine se non di sconfiggere almeno di indebolire il gruppo jihadista e riprendere il controllo sul nord del paese.
Share: Ti potrebbero interessare anche:
+
NIGERIA. Offensiva dei militari contro il Boko Haram 'almeno 50 uccisi'
+
Pannelli Fotovoltaici. Ora Costano Meno. Confronta 5 Preventivi Gratuiti! (4WNet)
+
NIGERIA. 97 le vittime dell'attacco del Boko Haram a Bama
+
NIGERIA. Satelliti controlleranno confini con Camerun Ciad e Niger
+
NIGERIA. Nuovo attacco del Boko Haram strage sull'autostrada
+
Nigeria e Kenya: cosa c'è dietro agli attacchi alle chiese

Tutto quello che è bene sapere sui Marò (e che i media spesso non dicono… e che l'India non potrebbe mai ammettere..quindi non sono gli assassini cioè la polizia del Kerala che può giudicare se stessa! ) apr 9th 2014 | By redazione | Category: L'Analisi Qui Oriente di Lorenzo Nicolao http://www.notiziegeopolitiche.net/?p=39891
Correva l'anno 2012 più precisamente il 15 febbraio. E' brutto parlare come in un amarcord ma il caso dei fucilieri di Marina italiana Salvatore Girone e Massimiliano Latorre chiamato anche crisi diplomatica ItaliaIndia è andato oltre ogni aspettativa iniziale e si sta tutt'ora prolungando per i continui rinvii e slittamenti da parte degli organi di giustizia. Omesso volutamente agli organi di giustizia il termine "competenti" perché rappresenta ancora un ostico nodo da sciogliere se si tratterà di arbitrato internazionale Corte suprema indiana tribunale indiano o speciale tribunale internazionale appositamente costituito occorre tornare al febbraio 2012 per comprendere per lo meno i fatti al di là di sentenze che tutti aspettano con ansia e timore.
L'Aframax Enrica Lexie è una petroliera che batte bandiera italiana e navigava nel mar arabico per alcune operazioni commerciali lungo la penisola indiana prima di rientrare verso il Golfo Persico. E' risaputo che l'Oceano Indiano sia pieno di pirati per lo più vicino le coste somale e comunque desiderosi di intercettare le rotte mercantili straniere in cerca di bottini e guadagni. Ogni nave che attraversa le acque più pericolose della terra si adegua con un proprio servizio di sicurezza e le navi italiane sono solite avvalersi di membri dell'esercito nazionale rispetto ai cugini europei che utilizzano mercenari armati. Salvatore e Massimiliano nulla hanno raccontato di quel giorno né al presidente italiano della commissione affari esteri Pier Ferdinando Casini né ai diversi ministri della Farnesina che hanno seguito il caso da Giulio Terzi di Sant'Agata passando per Emma Bonino fino all'attuale Federica Mogherini del primo governo Renzi. Saggiamente niente da dire soprattutto con un processo in vista e la delicata posizione di uomini di Stato. Un solo cenno quello al capitano della petroliera italiana Carlo Noviello prezioso testimone dei fatti e libero di parlare esprimendo le proprie opinioni.
"Riascoltatevi Carlo Noviello andate a risentire le sue interviste" hanno detto i soldati del reggimento San Marco ai politici che si sono recati nel sudovest del Deccan nel Kerala questo significa infatti la parola "Marò" per chi se lo fosse chiesto in questi due anni "Membri del reggimento San Marco". Noviello è un uomo di poche ma chiare parole senza sofismi e senza ipocrisie. "I nostri Marò hanno seguito i protocolli. Se una barchetta non identificata viene contro la nostra traiettoria senza battere la bandiera di uno Stato senza rallentare o cambiare direzione tu la devi avvertire prima con segnali luminosi poi con spari in aria poi con proiettili in acqua poi se l'impatto risulta imminente la devi abbattere. E' il protocollo antipirateria del diritto del mare le sue convenzioni come Montego Bay lo disciplinano. La pirateria è inoltre uno dei pochi reati internazionalmente riconosciuti sul quale tutti gli stati mantengono la medesima opinione". Il racconto non termina qui. "Dopo gli spari la barca è fuggita e non era più a portata di visuale. Circa un'ora dopo è giunta una telefonata da Kochi. Parlavano indiano e ho passato loro il sottoufficiale che conosceva la lingua meglio di me. Come avevo presupposto chiedevano una testimonianza sulla barca non identificata e mi è sembrato giusto sul momento rientrare verso Kochi. In fondo eravamo di strada e il nostro obiettivo era poi proseguire per il Golfo Persico. Giunti al porto sono iniziate le indagini volevano Salvatore e Massimiliano per delle domande da quel momento non li ho più visti e avendoci ritirato i documenti di circolazione non potevamo ripartire. Gli interrogatori sono durati più del previsto tanto che ne parliamo ancora oggi i giornali hanno trovato la loro storia da seguire sugli esteri e c'è poco altro di certo da aggiungere."
Per il momento sarebbe infatti inutile procedere con i dettagli di questi due anni ma qualche particolare può sicuramente chiarire la vicenda o almeno sperare di farlo.
In India siamo in piena campagna elettorale per le politiche 2014 che dovrebbero svolgersi questa primavera. Da anni è in corso una campagna di diffamazione contro i reati di corruzione e i processi della Famiglia Gandhi della leader Sonia e di suo genero prossimo candidato alle elezioni.
Gran parte del paese non vede di buon occhio il potere da loro raccolto e le origini italiane della stessa Sonia Gandhi non sono ben viste

KING SAUDI ARABIA [ noi non giudicheremo la ipocrisia e l'opportunismo politico dei Palestinesi dal fatto che loro domani vanno tutti i chiesa a mettere i fiori alla Madonna ] noi giudicheremo i palestinesi non da quello che loro fingere di fare per opportunismo e tatticismo.. noi giudicheremo loro guardando quando tu puoi essere il criminale che con i tuoi servizi segreti alimenti la galassia jihadista inn Siria e in tutto il mondo.. e dicendo a tutti che:"Unius REi ha ragione quando lui dice che io sono un criminale! ". ok? allora questo soltanto potrebbe salvare la tua vita!.. ed onestamente non è importante per me la tua vita in realtà io non voglio che l'Islam vada perduto per colpa tua! infatti chi ha rovinato l'Islam? quello sei stato soltanto tu!

20140412 [ dopo i farisei Illuminati gli islamici in assoluto sono i più ipocriti e assassini seriali! ma se proprio i palestinesi hanno cacciato e sterminato i cristiani come loro possono dire: "noi rispettiamo i diritti umani di Hitler nella sharia per i dhimmi schiavi e poi condanniamo a morte tutti i diversi da noi o per blasfemia o per apostasia? io vorrei dire delle parole molto volgari adesso.. ma per rispetto degli angeli? non le dirò! ] Firma storica dell'Autorità palestinese alle quattro Convenzioni di Ginevra. La Palestina ha ratificato ufficialmente le Quattro convenzioni di Ginevra e il Protocollo addizionale considerati testi fondamentali del diritto umanitario internazionale. La Svizzera Paese depositario dei trattati riferisce l'agenzia Misna ha registrato l'adesione della Palestina il 10 aprile scorso un passo definito "storico per il popolo palestinese" dal Presidente Mahmoud Abbas. L'adesione dall'alto valore politico e simbolico a livello internazionale è tanto più importante tenuto conto che la IV Convenzione – spesso citata dall'Anp nei confronti di Israele – sancisce gli obblighi sulla protezione dei civili in caso di occupazione e dà basi legali alla loro opposizione alle colonie ebraiche nei Territori occupati. Tra i trattati siglati ci sono la convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche e consolari quella sui diritti del fanciullo la Convenzione contro la tortura e una contro la corruzione. (R.P.)
Testo proveniente dalla pagina http://it.radiovaticana.va/news/2014/04/12/firma_storica_dellautorit%C3%A0_palestinese_alle_quattro_convenzioni_di/it1790170
del sito Radio Vaticana

KING SAUDI ARABIA [ lol. perché tu sei arrabbiato contro di me? lol. ] anche io credo come i Boko Haram che la cultura Occidentale è un grande peccato.. non solo io sono anche la MONARCHIA Teocratica! no! figurati! lol. tu hai visto come il vento ha alzato la gonna di Michela la moglie di Obama?.. no! io ho avuto paura di guardare ed infatti i satanisti della CIA che hanno il controllo del mio computer loro ti possono dire che io non ho guardato! ma come se lei aveva il vestito dell'India (in India fanno i vestiti più eleganti del mondo! ) come poteva accadere un simile incidente? [ ma non è quello della gonna l'incidente più brutto no! ] ma è vedere tutti questi giornalisti maniaci sessuali pervertiti.. che è soltanto una vergogna considerare la cultura Occidentale!

ma è arrivato il momento che tutta la LEGA ARABA faccia un processo contro se stessa e si condanni a morte la sua sharia! contrariamente la loro morte sarà più spietata di quella i Hitler.. questo è quello che i padroni del mondo talmud kabbalah hanno studiato e progettato contro tutti loro! [ come islamici non riescono a capire che loro stanno lavorando: per fare da: trampolico di lancio: ai satanisti americani Cia FMI 322 Spa talmud kabbalh? ] Pakistan. Caso di Asia Bibi: è probabile che l'udienza salti ancora. E' molto probabile che la nuova udienza per il processo di appello di Asia Bibi – la donna cristiana condannata a morte per blasfemia – che è fissata per lunedì 14 aprile slitti nuovamente. Si tratterebbe dell'ennesimo rinvio questa volta "per ragioni amministrative interne alla Corte". Lo riferisce all'agenzia Fides l'avvocato difensore della donna Naeem Shakir spiegando: "Il primo collegio...»


UCRAINA l'unica possibilità per impedire la annessione delle popolazioni russofone alla Russia è quello di impedire: lo smembramento della Nazione? è quello di diventare una Nazione cuscinetto imparziale neutrale e realizzare un governo federale con regioni ad autonomia speciale.. questa è la soluzione politica che io ti posso consigliare! in questo modo tu potrai godere dei contributi economici di entrambi!

soltanto gli atti terroristici di: USA UE NATO Turchia LEGA ARABA in tutto il mondo sono diventati: atti di prezioso patriottismo e virtù! la loro verità stuprata è la puttana di Rothschild SS.nazi Imf Spa.. quello che dice la Polonia è stupido se si rompe il vaso di Pandora? nessun americano potrà salvare la loro vita! ] Russia's Jittery Neighbors Call for NATO Support. move comes as Foreign Minister calls on Russia to end 'provocative actions' after gunmen seize more buildings in eastern Ukraine. By Ari Soffer
First Publish: 4/12/2014 ProRussian militiaman behind a barricade at occupied gov't building in Donetsk
ProRussian militiaman behind a barricade at occupied gov't building in Donetsk. Reuters
Ukraine's interim government has accused Russia of orchestrating unrest in the country after gunmen seized several further government buildings in eastern Ukraine.
It comes just days after government buildings in Donetsk were seized by protesters in the majority Russianspeaking east of the country who are demanding a union with Russia.
On Saturday proRussian militiamen stormed a security services headquarters and a police station in the town of Sloviansk and other seizures of government buildings were reported in Druzhkovka.
A regional police spokesman said armed men were bussed to the town's police station.
"Six or seven unknown persons got out. They fired several shots in the air and attempted to storm the police department" he said according to the BBC.
Responding to the fresh violence Ukrainian interim Foreign Minister Andrei Deshchytsia called on the Kremlin to end "provocative" actions by its agents.
Ukrainian officials have previously accused Russian military and intelligence officials of direct participation in unrest in the Crimea which Russia formally annexed last month.
For its part Russia has denied any involvement in the unrest. But Ukraine and western government alike have expressed concern over the 40000 Russian troops amassed along near the Ukrainian border raising concerns of another de facto military invasion in Ukraine particularly amid calls by some proRussian protesters for Moscow to do just that. But Russia's Foreign Ministry insisted Wednesday that there is "no reason for concern" about the presence of Russian forces which it claims are merely in the midst of training exercises. "Russia has repeatedly stated that it does not conduct unusual or unplanned activities which are militarily significant on its territory near the border with Ukraine" the Foreign Ministry said calling accusations of a planned attack "groundless." Calling for NATO help Meanwhile Russia and Ukraine's jittery Eastern European neighbors have urged NATO to provide ground troops and other forms of military support as a means of deterring Russia from seizing territory in regions with Russianspeaking majorities.
Estonia Latvia Lithuania Poland and Romania have all turned to the western alliance in moves which hark back to the Cold War era.
Estonian Defense Minister Sven Mikser is set to meet NATO chief Fogh Rasmussen in Brussels on Monday and said talks were already underway "about having NATO rotating land units in our region" according to AFP.
Lithuanian Defense Minister Juozas Olekas said a NATO presence in his country "could take various forms from instructors to permanently deployed land naval special operation or air forces."
And Poland's opposition leader has suggested that only installing US military bases in his country would deter Moscow's "expansionist ambitions".

Malaysia Pilot Attempted to Make Call Before Plane Disappeared [ l'unica verità possibile è che i satanisti CIA sono diventati una struttura mondiale del NWO con strutture deviate dello Esercito che non obbeiscono più ai loro Governi! tutte le vite del genere umano ora sono sotto una estrema minaccia! ] 'Unidentified sources' claim copilot tried to make a desperate call just before the plane disappeared on radar. But is it true? Little progress has been made in the official investigation over Malaysia Airlines Flight 370 which disappeared en route from Kuala Lumpiur to Beijing on March 8. But critics have accused at earlier stages of the investigation that the Malaysian government has been slow or secretive about progress in the search for the missing plane. To add to the confusion a separate source told the New Straits Times Saturday that another possibility remains: that the phone was turned on but a call was never made. The news is the latest in the Malaysia Airlines Flight 370 case which has been the subject of international attention after it disappeared without a trace last month. An extensive search across the massive Indian Ocean has produced mixed messages from government officials as bereaved families are fed hope on the one hand and told the flight has not yet been found on another.

king Saudi Arabia ovviamente Unius REI è la morte di ogni Stato massonico senza sovranità monetaria.. quindi sarebbe la fine anche per Israele anche!.. e questo si può fare perché gli israeliani sono troppo codardi per carbonizzare tutta la LEGA ARABA!

io non sono un codardo di ipocrita come gli israeliani! ] There Has Never Been a Palestinian State! è una truffa della Arabia Saudita Lega ARABA per realizzare il Califfato mondiale e fare il genocidio del genere umano questo significa jihad UMMA aumma aumma! [ ma questa visione storica non è un motivo importante per me! io sarei felice con tutti i paestinsi del mondo se Arabia Saudita mi da il deserto della Madiana e se viene condannata la sharia. in tutto il mondo. contrariamente tutti i palestinesi(come tutti i musulmani: sono i terroristi sharia! ) quindi devono essere deportati in Siria tutti.. e questo deve essere fatto immediatamente! ] That's a Lie'. In an animated CNN interview Jewish Home head Naftali Bennett reiterates his calls for a 'new approach' rejects 'twostate solution'. By Ari Soffer. First Publish: 4/10/2014. Economics Minister and Jewish Home party leader Naftali Bennett has continued his calls to annex parts of Judea and Samaria in response to the repeated failure of peace talks with the Palestinian Authority. Following a letter yesterday to Prime Minister Netanyahu in which he urged the PM to implement his "Plan B" alternative to a "twostate solution" with the PA Bennett took his message to the international media last night in an interview with CNN. Dismissing suggestions that Israel was responsible for the collapse of peace talks by building homes in Jerusalem Bennett pointed out that the talks had already ground to a halt after PA leader Mahmoud Abbas refused to even recognize Israel's existence as the nationstate of the Jewish people while simultaneously demanding Israeli recognition of a "Palestinian homeland." "The reality... is that the era of these negotiations is over it's time for plan B... a new approach" he said. "The approach that we've been applying for 20 years now clearly has reached its end." Bennett rejected out of hand calls for Israel to freeze construction in Jewish neighborhoods in Jerusalem as part of proposals to eventually partition the city between the Jewish state and a future "Palestinian state". "Jerusalem has been the Jewish capital for just about 3000 years and just like I would never suggest to freeze building in London where you're sitting" Israel should not be expected to "freeze our own building in our own state" he said. Responding to his interviewer's claim that "there has been Palestinian life in Jerusalem for thousands of years" he retorted: "You're talking about a Palestinian presence? Has there ever been a Palestinian state? Show me what its flag was show me what its anthem was show me who its leader is show me anything that mentions the word 'Palestinians' more than 65 or 80 years ago. "There has never been 'Palestinian state' that's one of the big lies that they've managed to press forward. The reality is that it's been the Jewish land for 3000 years it's still our land." Unlike initiatives until now his "new approach" would be achieved "from the bottom up" most crucially by investing on the ground in initiatives to improve the quality of life for Jews and Arabs alike in Judea and Samaria he explained. Under the plan which Bennett has advocated for since his entrance into politics Israel would annex "Area C" where all Jewish communities are located but only a small number of Arab towns and villages.
those roughly 40000 Palestinian Arabs living in Area C would be offered Israeli citizenship while Areas A and B would be granted full autonomy from Israel. Area C refers to the portions of Judea and Samaria under full Israeli control whereas Areas A and B are under full or partial PA control respectively.

Psalm 74 ] [ fuck you goat Saudi Salafi wahhabita with all your false allies Satanists bush kerry 322 to which you are preparing for World War II on a silver platter! stop a fare usare le armi chimice in Syria! ] 1. The choir. On "Do not forget." Psalm. Asaph. Canto. 2. We give you thanks O God we thank:
in your name tell your wonders. 3. During the time I have established, I will judge uprightly. 4. He shakes the earth with its inhabitants I hold firm its pillars. 5. Dico who boasts: " Do not boast."
And to the wicked 'Do not raise your head. "6. Did not raise your head against the sky
do not say insults to God 7. Not from the east not west
not from the desert from the mountains 8. But by God the judgment: is he who down one and exalts another.
9. Since in the hand of the Lord is a cup full of drugged wine. He pours: to the dregs they will have to put up with they shall drink and all the wicked of the earth.
10. Instead I will rejoice forever sing praises to the God of Jacob.
11. Will crush all the arrogance of the wicked
then you will raise the power of the righteous.

Salmi 74 ] [ fottiti caprone saudita salafita con tutti i tuoi falsi alleati satanisti bush 322 kerry a cui tu stai preparando la guerra mondiale su un piatto d'argento! ] 1. Al maestro del coro. Su «Non dimenticare».
Salmo. Di Asaf. Canto. 2. Noi ti rendiamo grazie o Dio ti rendiamo grazie:
invocando il tuo nome raccontiamo le tue meraviglie. 3. Nel tempo che avrò stabilito io giudicherò con rettitudine. 4. Si scuota la terra con i suoi abitanti
io tengo salde le sue colonne. 5. Dico a chi si vanta: «Non vantatevi».
E agli empi: «Non alzate la testa!». 6. Non alzate la testa contro il cielo
non dite insulti a Dio. 7. Non dall'oriente non dall'occidente
non dal deserto non dalle montagne 8. ma da Dio viene il giudizio:
è lui che abbatte l'uno e innalza l'altro.
9. Poiché nella mano del Signore è un calice
ricolmo di vino drogato. Egli ne versa: fino alla feccia ne dovranno sorbire
ne berranno tutti gli empi della terra.
10. Io invece esulterò per sempre canterò inni al Dio di Giacobbe.
11. Annienterò tutta l'arroganza degli empi
allora si alzerà la potenza dei giusti.

Una repubblica basata sulla fede che reprime i fedeli ] mostri islamici in ONU USA UE NATO per soffocare Israele ed il genere umano! ] ]. [ I figli di Adamo sono membra dello stesso corpo Perché nella creazione ricevono tutti l'identica natura Quando sventura getta un membro nel dolore alle altre membra non resta più riposo Oh tu che non ti curi del dolore altrui Certo non meriti d'esser chiamato Uomo! Saadi (12001292)
] La legittimità della Repubblica Islamica viene dalla fede. Il paese ha come religione di stato e fonte delle proprie leggi la fede sciita duodecimana. Si potrebbe pensare che in uno stato che trae la propria legittimità dalla fede ci sia posto e rispetto per le altre fedi o almeno per le religioni abramitiche. Non è precisamente così. In Iran sono poco tollerati anche i sunniti pur essendo la corrente maggioritaria dell'islam e così i seguaci delle varie scuole mistiche e sufi anche loro musulmani. Questo per non parlare degli ebrei dei cristiani e degli zoroastriani seguaci dell'antica religione dei persiani. Questi fedeli pur appartenendo a religioni ufficiali e avendo diritto anche ad alcuni seggi nel Majlis il Parlamento sono soggetti a forti restrizioni e notevoli discriminazioni. Di fatto il sistema politico della Repubblica Islamica riconosce la fede sciita duodecimana come quella "giusta" le altre religioni sono considerate "sbagliate". Questo per non parlare di altre fedi come per esempio la religione Baha'i o il buddismo che sono dichiarate fuorilegge nella Repubblica Islamica. Sfogliando le sentenze di condanna di molti oppositori soprattutto militanti curdi o beluci incontriamo spesso la parola mohareb che tradotta letteralmente significa "nemico di Dio". La condanna prevista per questo reato è la pena capitale. Un'altra accusa che fa tremare i dissidenti è quella di essere considerati mortad cioè apostata. Anche qui la pena prevista è quella capitale. è stato definito mortad un pastore evangelico di nome Yousef Nedarkhani che attende in carcere l'impiccagione. è un mortad anche il rapper Shahin Najafi che per sua fortuna vive protetto dalla polizia tedesca in Germania. La colpa del pastore Nedarkhani è quella di essere nato in una famiglia musulmana che ha deciso di cambiare fede e abbracciare quella cristiana. Shahin Najafi ha invece scritto una canzone nella quale con un linguaggio satirico parla con il decimo imam degli sciiti Ali al Hadi al Naghi. Secondo le relazioni annuali che vengono diffuse sulle discriminazioni religiose nel mondo la situazione nella Repubblica Islamica è peggiorata notevolmente negli ultimi tre anni e le minoranze religiose in Iran subiscono maggiori pressioni rispetto agli anni precedenti. Nell'ultimo rapporto annuale dell'organizzazione Open Doors che esamina la situazione dei cristiani nel mondo l'Iran è collocato al quinto posto nell'elenco dei paesi dove i diritti delle minoranze religiose non sono rispettati. Prima dell'Iran in ordine si trovano la Corea del Nord l'Afghanistan l'Arabia Saudita e la Somalia. Secondo la Ong iraniana Human Rights News Agency il 2011 è stato un anno particolarmente duro per le minoranze religiose: 378 appartenenti alle fedi non sciite sono stati arrestati; 116 di loro sono stati condannati a 3.776 anni di carcere e a 250 colpi di frustate. Di questi circa 260 erano musulmani che hanno aderito a varie chiese cristiane. In Iran la repressione colpisce soprattutto le chiese cristiane non etniche. I cristiani armeni e assiri godono di una maggiore libertà di azione anzitutto perché difficilmente accettano conversioni poi perché le loro cerimonie e la loro letteratura religiosa non è in lingua farsi ma in armeno o assiro. Al contrario della chiesa cattolica assira o di quella ortodossa armena le chiese evangeliche presbiteriane pentecostali e altre sono nel mirino perché formate quasi esclusivamente dai convertiti e perché praticano le loro cerimonie religiose in farsi e sono aperte a tutti anche ai non cristiani. Si calcola che negli ultimi dieci anni il numero dei convertiti a queste chiese abbia raggiunto il mezzo milione di persone. Quelli più duramente colpiti rimangono senza dubbio i seguaci della fede Baha'i. Dall'agosto del 2004 a oggi secondo quanto riportato dal relatore speciale delle Nazioni Unite per i diritti umani in Iran sono finiti in carcere 474 seguaci della fede Baha'i 112 dei quali sono ancora detenuti. Nei 33 anni della Repubblica Islamica oltre 200 Baha'i sono stati fucilati. I seguaci di questa fede non possono frequentare le università né accedere a molte professioni. Da cinque anni i sette componenti del coordinamento delle associazioni dei Baha'i (tre donne e quattro uomini) si trovano in carcere. Devono scontare una pena di 20 anni. Un altro caso di cui si è occupata molto la stampa negli ultimi anni è quello dell'ayatollah Seyyed Mohammad Hossein Kazemeini Borujerdi un esponente del clero sciita che predica la separazione della fede dallo stato e si è sempre espresso contro il concetto di velayat faghih (Guida Suprema). Borujerdi si trova in carcere dal 2006 per scontare una condanna a 11 anni. L'ayatollah Borujerdi che ha seguaci in tutto il paese e anche all'estero secondo quanto affermano le organizzazioni che si occupano dei diritti umani è stato torturato in più occasioni e sottoposto a forti pressioni per pentirsi e riconoscere l'autorità dell'ayatollah Khamenei.
http://www.unacitta.it/flip/iran/index.html#/31/zoomed
Quaderno della Fondazione Alexander Langer Stiftung Onlus ottobre 2012 Responsabile: Enzo Nicolodi Hanno collaborato: Nina Sadeghi Mohsen Farsad Sabri Najafi Serena Rauzi Edi Rabini Opera di copertina dell'artista iraniana Parastou Forouhar Fotoreportage di Enzo Nicolodi Poesie selezionate da Nina Sadeghi Grafica impaginazione e realizzazione: Una Città soc. coop. – Forlì (www.unacitta.it) Stampa: Galeati Imola (BO) Fondazione Alexander Langer Stiftung Onlus – via Bottai/Bindergasse 5 – (I) 39100 Bolzano/Bozen C.F. 94069920216 St. Nr. Tel. e Fax 39 0471 977691 info@alexanderlanger.net www.alexanderlanger.org Cassa di Risparmio/Südtiroler Sparkasse IBAN: IT91S0604511613000000555000 BIC: CRBZIT2B059 Realizzato con il contributo della Presidenza della Provincia di Bolzano – Ufficio Affari di Gabinetto
http://veromedioriente.altervista.org/esempi_sharia.htm
Qualche esempio della legge islamica Sharia Parte 1
Tante e tali scelleratezze non sono follie o perversioni individuali. Non sono gesti scomposti messi a segno da menti malate. Sono l'applicazione pratica di un'ideologia religiosa priva di pietà di un credo senza scale di grigio avvitato in una spirale di violenza che non prevede null'altro se non la difesa dei propri simili e l'odio per tutti gli altri. Come premessa bisogna dire che l'Islam non è una religione come il cristianesimo né ha una storia o una ideologia paragonabile. Nell'Islam non c'è alcuna differenza tra Stato e religione quindi ogni paese a maggioranza islamica diventa una teocrazia cioè un paese governato dalle leggi islamiche che si chiamano Sharia e sono qualcosa di completamente diverso dalle leggi dei Paesi Europei o Americani. Lo scopo dell'Islam è sempre stato lo stesso: conquistare il mondo e sottometterlo alla Sharia e tuttora viene perseguito con molto impegno usando anche l'arma dell'immigrazione. Alla Sharia devono sottomettersi tutti anche le persone di altra religione come i cristiani. Come spiegato qui nel Cristianesimo ci sono due autorità Dio e Cesare la Chiesa e lo Stato. Nell'Islam fino a poco tempo fa non c'era distinzione tra le due istituzioni. In arabo non esistono le parole "laico" ed "ecclesiastico" "sacro" e "profano" "spirituale" e "temporale" perché spiega Lewis la dicotomia che esprimono profondamente radicata nel pensiero cristiano è rimasta sconosciuta fino a tempi relativamente recenti e ci è arrivata come prodotto di un'influenza esterna. L'ebraismo si fonda su Mosè che ha liberato il suo popolo ma il profeta non è riuscito a entrare nella Terra promessa. Cristo è morto sulla Croce e i suoi seguaci sono stati perseguitati per secoli fino alla conversione di un imperatore romano. Maometto invece profeta e fondatore dell'Islam è morto da generale vittorioso e da capo di uno stato che in poco tempo si è trasformato in un impero. Da comandante in capo del mondo islamico Maometto guidava eserciti dichiarava le guerre e siglava la pace imponeva le tasse e raccoglieva le imposte stabiliva le leggi e le faceva applicare. Nella tradizione islamica religione e stato sono la stessa identica cosa. Potere e fede non sono scindibili a differenza delle altre religioni abramitiche. Il Cristianesimo è cresciuto nel momento del crollo di un impero. La Chiesa ha dovuto creare le sue istituzioni per far fronte al declino di Roma. L'Islam invece è prosperato come collante e base di un vasto impero fondato sui suoi principi. Nel mondo cristiano il potere di governo proviene dal popolo o nel caso delle monarchie dal legame dinastico. Nell'Islam arriva direttamente da Dio. Il capo di governo nel mondo islamico è anche l'autorità religiosa. Le leggi sono volontà di Dio. Rispettarle diventa un obbligo religioso. La disobbedienza è un peccato non solo un crimine. I fondamentalisti islamici non esistono spiega Lewis. Il concetto di fondamentalismo è cristiano. È un concetto nato negli Stati Uniti per definire le chiese che si differenziavano dal mainstream protestante per una maggiore obbedienza alla letteralità dei testi sacri senza la mediazione di una casta ecclesiastica. Nell'Islam su questo non c'è discussione: tutti moderati ed estremisti credono praticano e accettano la divinità del testo coranico. Il Corano è la parola di Dio è stato scritto direttamente da Maometto su dettatura di Allah. In alcuni stati islamici come Arabia Saudita Kuwait Bahrain Yemen e Emirati la sharia è la fonte primaria delle leggi. In altri paesi musulmani è vietato approvare leggi contrarie ai principi fondamentali dell'Islam. In Iran una bambina di 9 anni può essere data in sposa. Nove anni. Non è stupro perché è l'età di Aisha quando sposò il cinquantenne Maometto.
La visione della Sharia diffusa tra i non mussulmani è qualcosa di fortemente distorto sembra quasi che la gente la equipari alle leggi delle democrazie occidentali finendo così completamente al di fuori dalla realtà. Pertanto qui di seguito si faranno degli esempi pratici della legge islamica Sharia.
Forse l'occidente dovrebbe capire che un islamista è un islamista e che una mente libera e rispettosa della libertà è tutt'altra cosa. Non esiste l'Islam moderato l'estremismo islamico l'Islam politico l'Islam radicale l'Islam militante ecc.: sono tutti termini inventati dall'Occidente per restare nel politicamente corretto tanto caro alla cultura moderna. È vero che esistono musulmani che si dichiarano sinceramente moderati dice Wilders che lo siano veramente a lui va bene ma l'islam in sé non lo è per niente. L'Europa e l'Italia in un futuro prossimo dovranno fare i conti con gruppi numerosi che vorranno imporre leggi che consentiranno cose come le seguenti.
Nota: nelle pagine successive sono disponibili ulteriori approfondimenti.
http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999920&sez=120&id=41615
Riportiamo dal CORRIERE della SERA di oggi 28/09/2011 a pag. 23 l'articolo di Cecilia Zecchinelli dal titolo " Guidava l'auto 'multata' con dieci colpi di frusta ". Da LIBERO a pag. 19 l'articolo dal titolo "Perseguitata a 13 anni per un errore a scuola". Da REPUBBLICA a pag. 19 l'articolo di Vincenzo Nigro dal titolo " Impiccate quel pastore cristiano ". Ecco i pezzi: CORRIERE della SERA Cecilia Zecchinelli: " Guidava l'auto 'multata' con dieci colpi di frusta " «Siamo sorprese scioccate furiose. Non hanno voluto che la nostra gioia durasse più di un giorno è una notizia terribile per noi saudite e per tutti gli uomini che appoggiano la lotta per arrivare alla parità». Najla Haddad capo della campagna Biladi (mio Paese) per il diritto al voto delle donne in Arabia al telefono da Gedda commenta a caldo l'ultima notizia: la condanna a dieci frustate di una giovane donna Shayma Ghassaniya per aver guidato in luglio nel Regno. Una cosa mai successa nel solo Paese al mondo che proibisce alle sue cittadine di prendere il volante nonostante non esistano leggi in proposito solo un vago editto religioso e il rifiuto delle autorità di rilasciare loro patenti. Una doccia fredda dopo l'annuncio di re Abdullah domenica che le saudite potranno votare e candidarsi alle amministrative nel 2015 concessione che la stessa Najla aveva salutato come un «primo passo» nonostante per molti (e molte) sia troppo poco e lontana nel tempo. «Il giudice di Gedda che ha condannato Shayma alla frusta ha lanciato un chiaro messaggio: voi donne siete sempre sotto il nostro controllo non illudetevi. Ma è inaccettabile come lo è il fatto che altre due guidatrici Najla Hariri e un'altra rischino ora la stessa condanna» continua Haddad per la quale poco cambia che Shayma sia ricorsa in appello e la pena per il momento non venga inflitta. Finora come per gli uomini sorpresi a guidare senza patente la polizia si limitava a multare le saudite che osavano sfidare il divieto per altro tutte in possesso (come Shayma) di patente internazionale. Lo scorso 17 giugno erano state più di 200 a farlo: oltre alla multa se fermate avevano dovuto firmare un impegno a «non farlo mai più» i mariti (o padri) erano stati convocati in commissariato qualcuna aveva passato un po' di giorni in cella. Ma nessun caso era finito in tribunale. E le frustate previste dalla sharia solo per delitti gravi non erano state nemmeno immaginate anche se accanto al fiorire di pagine Facebook delle attiviste negli ultimi mesi altre ne sono state create dai (tanti) sostenitori delle punizioni corporali per mogli o sorelle dai comportamenti «indecenti» guida compresa. Proprio su Facebook Twitter e via sms la rabbia ieri è esplosa in Arabia. Intanto Mohammad Al Qathani capo dell'Associazione per i diritti civili da Riad denunciava l'arresto di un'altra guidatrice e la repressione di una miniprotesta di donne davanti al ministero dell'Istruzione pure questo un inedito o quasi. «Ma molte di noi e io concordo preferiscono non sfidare apertamente il governo la forza serve poco in questo Paese — sostiene Haddad —. Il che non significa rassegnarsi anzi: stiamo mandando una petizione a re Abdullah perché intervenga nel caso di Shayma e ne eviti altri lavoriamo su una nuova campagna. E visto che il diritto al voto è previsto solo per il 2015 abbiamo chiesto al sovrano che parte dei consiglieri che spetterà a lui nominare nei nuovi consigli comunali già nei prossimi giorni siano donne. Stiamo aspettando la sua risposta».

i mostri islamici in ONU USA UE NATO per soffocare Israele ed il genere umano! ] http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=8&sez=120&id=32956
Riportiamo dal FOGLIO di oggi 20/01/2010 a pag. 3 l'analisi di Carlo Panella dal titolo " Che cosa ci dicono queste terribili 48 ore di notizie dalla sharia ". E'impressionante la serie di notizie che il mondo della sharia ci ha riversato nelle ultime 48 ore. Nella città di Jos in Nigeria è stato imposto il coprifuoco dopo gli incidenti tra musulmani e cristiani che hanno fatto 26 morti e 300 feriti 3.000 abitanti sono stati trasferiti per ragioni di sicurezza. A Mosul in Iraq è stato trucidato a colpi di pistola il sirocristiano Youssif Joris in concomitanza con i festeggiamenti per l'insediamento del vescovo caldeo; è la quinta vittima cristiana in 30 giorni nella città. In Pakistan il tribunale di Faisalabad ha condannato all'ergastolo a causa della "legge sulla blasfemia" il giovane cristiano Imran Masih accusato di avere bruciato versetti del Corano "per offendere i sentimenti dei musulmani"; a oggi mille sono i cristiani incriminati sulla base di questa legge e 33 sono i cristiani uccisi da singoli musulmani o linciati da folle inferocite per blasfemia. In Iran il procuratore di Teheran ha chiesto al tribunale la condanna a morte per cinque manifestanti arrestati durante gli incidenti dell'Ashura contestandogli il reato di Moharebeh (essere nemici di Dio) segnando così una svolta drammatica: chiunque manifesti contro il regime può essere condannato a morte. In Italia è stato arrestato ieri a Fano con la moglie il pachistano Aktar Mhamoo che lunedì aveva rapito la figlia per imporle di seguire la sharia e non i "costumi corrotti"; la ragazza era in precedenza stata assegnata dal tribunale a un centro di assistenza in seguito alle percosse subìte dal padre. A questa serie va poi aggiunta la fatwà emessa sei giorni fa in Yemen dallo sheikh Abdelmajid Zendani e dai principali ulema con cui si proclama il jihad contro ogni prospettiva di intervento militare nel paese degli Usa – o di "stranieri" – per contrastare al Qaida (come prospettato imprudentemente per giorni da fonti della Casa Bianca). Come si può constatare è impossibile separare le iniziative dei terroristi islamici da quelle di folle islamiche da quelle di tribunali islamici di paesi "moderati" da quelle della giustizia islamica di paesi "fondamentalisti" dalle convinzioni di un normale emigrato che lavora da anni in Italia ben inserito che ritiene di dovere imporre l'"autorità tutoria" che la più diffusa sharia gli riconosce su una figlia.
E' evidente la radice comune di queste tragedie che riportano a un nodo unico: i modelli di riferimento del terrorismo islamico sono inscindibili con quello di tutte le componenti maggioritarie dell'islam e hanno nella sharia ortodossa la loro forza generante. Solo la chiesa con la svolta impressa ieri dal sinodo dei vescovi per il medio oriente ha colto e denunciato questo nesso segnando un superamento netto di 40 e più anni di sterile "dialogo interreligioso: "La crescita dell'islam politico nelle società musulmane a partire dagli anni 70 ha prodotto correnti estremiste che rappresentano una minaccia per tutti cristiani e musulmani e noi dobbiamo affrontarle insieme". Questa definizione di "islam politico" non è casuale: permette ai vescovi cattolici di evocare uno scontro frontale interconfessionale ma si riferisce al nodo shariatico. Purtroppo però l'impostazione seguita da Obama nel discorso del Cairo del 4 giugno scorso nega qualsiasi nesso tra qualsiasi componente islamica e i nodi di crisi disseminati in medio oriente laddove – sia pure solo in nuce – i riferimenti di George W. Bush all'Asse del male indicavano tutt'altro percorso.
http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=8&sez=120&id=31623
Riportiamo dal FOGLIO di oggi 17/10/2009 a pag. 2 l'articolo di Giulio Meotti dal titolo " Mai più Sanaa. Ecco il bollettino di guerra sulla sharia in Italia ".
Roma. Le donne come "l'altro" per antonomasia da sottomettere in tutto e per tutto per ricostruire dalle fondamenta una società assolutamente conforme alla sharia la legge islamica che deve essere imposta con ogni mezzo. Anche per quest'anno il telefono verde "Mai più sola" ha raccolto sette giorni su sette e 24 ore su 24 il grido delle donne musulmane che vivono in Italia e che sono state vittime di violenza legata alla sharia.
Un progetto da cui emerge un mattinale di agonia che si perde nella cronaca delle nostre province. Dal 1 novembre 2008 al 31 agosto 2009 le telefonate ricevute dal numero verde hanno raggiunto quota 5.478 (provenienti per la maggior parte dal Nord Italia). Dietro c'è l'idea che il miglioramento della condizione femminile è il punto di partenza e di arrivo per un futuro di reale integrazione dell'islam in Italia. Tra le motivazioni principali delle telefonate ci sono i costumi barbari del ripudio della poligamia e dell'escissione. Pochi sanno oppure lo sanno ma lo ignorano che in Italia nonostante una legge del gennaio 2006 protegga la donna da simili pratiche ci sono tra le trenta e le cinquantamila donne che hanno subito la mutilazione genitale. Donne costrette sotto minaccia ad accettare la presenza di una o più mogli sotto lo stesso tetto coniugale nell'Italia dove la poligamia è reato. Le minacce spesso si concretizzano in un rimpatrio forzato della legittima consorte nel paese d'origine per far posto alla nuova moglie. Ragazze musulmane picchiate umiliate segregate in casa punite con violenza fisica e psicologica solo per aver desiderato di innamorarsi di un compagno di classe di indossare jeans aderenti di andare al cinema di frequentare amici cristiani di convertirsi a un'altra fede di avere un tono troppo aperto nel parlare di voler studiare di cercare il divorzio o di non abbassare lo sguardo. Poi c'è il vero e proprio bollettino di guerra. "Di loro rimane solo una ferita nel nostro tempo nella società sorda in cui hanno vissuto" dice la deputata Souad Sbai che ha forgiato l'iniziativa con l'Associazione delle Donne Marocchine in Italia. Sono le ragazze morte ammazzate.
Ricordano quasi tutte Neda Soltan la ragazzaicona della rivolta in Iran. Una guerra combattuta a fari spenti dall'islamismo più oscurantista e troppo spesso da noi occultata dietro alla ben più addomesticabile "violenza familiare". Decine i casi che vale la pena ricordare. Bouchra 24 anni uccisa a Verona a coltellate dal marito perché si rifiutava di portare il velo e viveva "da occidentale". Kabira 28 anni accoltellata a morte dal marito esibiva abiti occidentali e "offendeva l'islam". Darin Omar uccisa dal marito perché si era fatta assumere in un call center. Hina Salem soffocata con un sacchetto di plastica dai suoi familiari infine decapitata e sepolta con la testa rivolta verso la Mecca perché frequentava un ragazzo italiano e rifiutava il matrimonio forzato impostole. Fatima Saamali uccisa in una statale presso Aosta perché poco prima aveva denunciato alla polizia i continui maltrattamenti del marito. Malka 29 anni strangolata dal marito per i suoi atteggiamenti "occidentali". Fatima Ksis 20 anni uccisa a coltellate dal fidanzato per averlo disonorato con il suo comportamento "troppo indipendente". Sobia avvelenata dai familiari perché non si dimostrava "sufficientemente sottomessa". Naima accoltellata dal marito perché voleva riprendere con sé i figli sequestrati in Marocco. Fouzia strangolata dal marito sotto gli occhi della figlia di tre anni il corpo abbandonato in un giardino pubblico considerata "infedele" perché aveva cominciato a seguire uno stile di vita moderno. Sanaa Dafani sgozzata dal padre a Pordenone per la scandalosa relazione con un ragazzo italiano. Queste maschere mortuarie occidentali confutano chi tenta di negare che vi sia una connessione tra i delitti d'onore e l'islam.
Conoscere le loro storie potrebbe essere un buon inizio per decostruire il fanatismo che ha spento le loro vite e minaccia le nostre più preziose libertà. Leggiamo stupefatti di come i Talebani armati di pistola ad acqua carica di acido solforico vadano in giro per Kabul a sfregiare il volto delle studentesse. In Italia una ragazza di nome Amal 26 anni è stata investita dal marito semplicemente perché voleva andare dal parrucchiere. Se siamo in Afghanistan per combattere l'oscurantismo di chi vorrebbe tornare a riempire gli stadi di donne da lapidare è anche per queste ragazze musulmane uccise nelle nostre città. E' la stessa ferocia che fa razzia di ogni diritto e bellezza.
http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999920&sez=120&id=31163
LIBERO Carlo Panella: " Sgozzava in nome di Allah e poteva essere italiano " Carlo Panella. Sanaa Dafani è stata sgozzata nel nome dell'islam non di tradizioni antiche non del codice d'onore. Un islam retrivo che proibisce in nome di Allah il matrimonio (e men che meno i rapporti sessuali) tra una donna musulmana e un cristiano o un ebreo o un agnostico. Un Islam anche "moderato" che non punisce con la morte questa grave violazione della sharia –in questo l'atrocità è tutta del padre ma che la considera peccato grave e quindi un reato penale. Un Islam che permette al maschio di sposare una cristiana perché i suoi precetti esaltano una famiglia – e quindi la società basata su un rapporto di violenza del maschio sulla femmina eterna minorenne destinata alla "tutela" dei parenti uomini e che quindi diventerebbe "apostata" se sposasse un cristiano.
Sbaglia dunque colpevolmente chi attribuisce questo delitto alla tradizione del "delitto d'onore" facendo finta di non sapere che il padre musulmano ha sgozzato Sanaa non obbedendo a modo suo a un codice ancestrale ma a una precisa disposizione della sharia. Una disposizione coranica predicata in tutte le moschee italiane gestite dall'Ucoii e che è legge nei codici saudita iraniano algerino egiziano e anche marocchino.
Per il padre Sanaa commetteva non solo un peccato ma anche un reato: questo ha armato la sua rabbia barbara. E' incredibile che Jean Léonard Touadi deputato del Pd eviti come tutti i deputati del Pd di riconoscere la matrice islamica –sia pur deviata in questo assassinio e sostenga che "l'integrazione è la via maestra per evitare conflitti culturali che in alcuni casi possono portare ad eventi delittuosi. Sanaa non è "vittima di un "conflitto culturale" ma di un "conflitto religioso" radicato in tutta Europa. Tutti sappiamo di Hina Salem –uccisa a freddo a Brescia dopo un consiglio di famiglia ma non sappiamo di Busra sgozzata nel giugno 2009 in Germania dal padre con un coltello di cucina per la stessa violazione della sharia; né di Hatum massacrata nel febbraio 2005 dal padre e da tre fratelli a Berlino; né di tante altre ragazze –migliaia che in tutta Europa sono state massacrate di botte e segregate perché osavano amare un "cristiano" e quindi violavano la sharia. Se si continua a ignorare questa realtà se si continua a pensare come fa la senatrice Vittoria Franco del Pd che il comportamento del padre di Sanaa è fuori dalla storia" e non si comprende che invece è tutto dentro la storia del fondamentalismo islamico e anche di tanto islam moderato questa tragedia si ripeterà. E' dunque indispensabile che venga affrontata in sede politica e legislativa per quello che è smettendo di rifugiarsi in ipocriti appelli all'integrazione. Un esempio: applicando la legge marocchina –che pure è la migliore di tutto il mondo islamico (con quella tunisina e turca) molti funzionari dei consolati del Marocco in Italia rifiutano alle donne marocchine i certificati anagrafici per sposare un italiano. Si parta da qui si tratti col Marocco si imponga una radicale modifica di queste disposizioni. Si introduca un'aggravante per le motivazioni religiose di assassinii come questi. Si aggiorni la definizione legislativa della poligamia. In raccordo con il Consiglio della moschea di Roma che rappresenta tutti i paesi islamici il governo apra un dossier che affronti con moderazione ma anche totale fermezza nella difesa dei diritti umani tutti i problemi che la sharia quella fondamentalista ma anche quella "moderata" pone alla convivenza civile in Italia. Solo così si può definire cosa vuol dire integrazione.

tutta la violazione dei diritti umani sharia SOTTO PROTEZIONE ONU Amnesty i mostri ] Il FOGLIO Giulio Meotti: " Hina e le altre ragazze uccise in nome della sharia. Boom di delitti d'onore " Giulio Meotti
Roma. Avevano appena iniziato a vivere i familiari le hanno uccise. Hina Saleem venne sgozzata e sepolta nell'orto di casa presso Brescia. Con la testa rivolta verso la Mecca e il corpo avvolto in un sudario. Hina aveva rifiutato un matrimonio forzato voluto dal padre. L'altroieri a Pordenone Sanaa Dafani è stata accoltellata a morte dal padre in un bosco mentre era in compagnia del fidanzato un italiano. Una relazione bandita dai suoi genitori di origini marocchine. Non si sa nemmeno quanti siano esattamente i delitti d'onore in Europa. In gergo islamico si chiama "Jarimat al Sharaf". Spesso queste esecuzioni religiose vengono derubricate sotto la voce "violenza domestica". Nella moderna Istanbul che preme per entrare in Europa si conta un delitto d'onore a settimana. A Gaza dall'inizio dell'anno dieci donne sono state uccise in nome della sharia (una palestinese è stata sepolta viva dal padre). Accade anche in mezzo a noi a Milano a Parigi a Berlino a Londra. Il settimanale tedesco Der Spiegel scrive che almeno cinquanta donne musulmane in Germania sono state vittime di un delitto d'onore. A Londra almeno dodici ogni anno. A queste vanno aggiunte le "vergini suicide" le ragazze che si tolgono la vita per sfuggire a un matrimonio forzato. A Derya 17 anni la sentenza di morte è arrivata via sms: "Hai infangato il nostro nome ora o ti uccidi o ti ammazziamo noi". In Europa risultano "scomparse" migliaia di ragazze musulmane spesso cittadine europee.
Ne spariscono decine al mese tutte allo stesso modo: partono per un viaggio all'estero e sui banchi di scuola o sul posto di lavoro non tornano più. Downing Street stima che ogni anno avvengono tremila matrimoni forzati. In Francia 60mila adolescenti sono minacciate dai matrimoni forzati. Un recente rapporto compilato dal Consiglio d'Europa e redatto dal parlamentare inglese John Austin avverte che "l'uccisione di donne da parte dei membri della famiglia per proteggere il loro 'onore' è più esteso in Europa di quanto si pensi". Sono tante le "colpe" delle vittime dei delitti d'onore: il rifiuto di indossare il velo islamico l'inclinazione a vestire all'occidentale a frequentare amici cristiani (fino a convertirsi a un'altra fede) o avere amici non musulmani la volontà di studiare o leggere libri "impuri" di cercare il divorzio di essere troppo "indipendente" o moderna. In Inghilterra Rukhsana Naz è stata uccisa perché aveva rifiutato un matrimonio combinato. In Svezia Fadime Sahindal è stata uccisa a colpi di pistola perché si era avvicinata alla cultura occidentale. All'inglese Heshu Yones hanno tagliato la gola perché aveva un fidanzato cristiano. "Troppo occidentale" avevano detto della francese Sohane Benziane. E' stata torturata e bruciata viva. Stessa fine per l'olandese Maja Bradaric perché flirtava con un ragazzo su Internet. Una ventina di coltellate hanno spezzato la vita di Sahjda Bibi anche lei aveva rifiutato un matrimonio forzato. In Germania Hatin Surucu è stata giustiziata con un colpo alla nuca perché si rifiutava di indossare il velo. Un'altra tedesca Morsal Obeidi di appena sedici anni è stata uccisa perché "voleva essere troppo libera". Lo scorso luglio nel cuore di Londra c'è stato uno dei più feroci delitti d'onore. Alle due del mattino un gruppo di musulmani trascina per strada un ragazzo di origine asiatica proveniente dalla Danimarca. Lo pugnalano due volte alla schiena lo colpiscono alla testa con dei mattoni gli versano acido solforico sul corpo e in gola. La sua "colpa" era stata quella di frequentare una coetanea britannica di origini pachistane e di religione musulmana.
La polizia ha evitato per miracolo che la ragazza subisse la stessa sorte. La stessa polizia che ogni anno tratta la "scomparsa" e la morte in circostanze simili di un centinaio di ragazze di religione islamica. Due anni fa sempre a Londra Mohammed Riaz di origini pachistane bruciò vive la moglie e le sue quattro figlie dopo averle chiuse in casa. Riaz trovava ripugnante il fatto che la figlia volesse diplomarsi o potesse rifiutare il matrimonio combinato. Ciò che lo spinse ad appiccare l'incendio scrive il Telegraph fu soprattutto il fatto che le donne avevano servito alcolici durante una festa per il figlio malato di cancro terminale. E' in questo mondo di sottomissione e fanatismo domestico segnato spesso dall'escissione del clitoride che germina l'odio islamista. Singolare che le vite di queste ragazze ci interessino quando è già troppo tardi.
http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=31154
Dovreste essere contenti fra un po' la sharia arriverà anche da noi gli immigrati ci civilizzeranno
L'avete letto ieri su un articolo del Corriere riportato da IC ma ve lo riporto per comodità. Se siete di Aceh Indonesia ci sono alcune novità legali per quanto riguarda la vostra vita privata. Prendete nota per favore
Pene: Chi fa sesso prima del matrimonio 100 frustate con la canna.Chi commette atti deliberati di lesbismo o omosessualità 100 frustate e una multa di 1000 grammi d'oro o 100 mesi di prigione. Stupro da 100 a 200 frustate o da 100 a 200 mesi in prigione. Pedofilia come lo stupro ma in più la multa. Adulterio morte per lapidazione. Obblighi: il velo. Pregare 5 volte al giorno. Divieti: alcol e scommesse. Sto parlando del medioevo? dell'Arabia saudita? No è oggi e l'Islam "moderato" dell'Indonesia. Si tratta della nuova legge fatta passare al parlamento regionale di Aceh da un partito che giustamente si chiama Prosperità e giustizia. Siete un po' spaventati? E' la sharia bambola. Dovreste essere contenti fra un po' arriverà anche da noi gli immigrati ci civilizzeranno. In Gran Bretagna ci sono già 80 corti che applicano la giustizia islamica finora a casi civili e poco gravi ma presto si estenderanno fino a occuparsi delle cose serie.
A proposito sul "Corriere" da dove ho tratto la notizia si specifica che "la lapidazione deve avvenire con sassi di 'media grandezza' né troppo grandi da causare la morte istantanea né troppo piccoli e inoffensivi." E' adottata sempre secondo il "Corriere" nei seguenti paesi: Afganistan Iran Pakistan Sudan Arabia Saudita Emirati Arabi Uniti e parti della Nigeria." Ma non affrettatevi a comprare i biglietti. Con l'aiuto del Cielo e la collaborazione di Eurabia ci arriveranno in casa loro. Presto. Ugo Volli
Post scriptum. Altre delizie sessuali dell'Islam. Sono materiali che mi ha mandato una gentile lettrice quattro bambine vilolentate "sposate" morte di parto:
http://www.tgcom.mediaset.it/mondo/articoli/articolo460097.shtml?refresh_cens&fontsize=medium
Child Marriage in Afghanistan: 7yold bride 17yold groom
12yold girl in Afghanistan victim of violence by husband
7 year old girl victim of tribal PashtunTaliban Justice
http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999920&sez=120&id=22673
Dal GIORNALE del 23 novembre 2007 un articolo di Alessandro M. Veronese sulla sharia nei paesi islamici:
Nazanin aveva sedici anni quando fu aggredita. Attraversava il parco pubblico di Karaj non lontano da Teheran aveva appena incontrato le amiche scambiato qualche confidenza tra quei sorrisi complici che illuminano a primavera il viso delle ragazzine di quell'età. Ad aggredirla sono stati tre soldati l'hanno aspettata in un angolo vicino all'uscita erano sicuri di farla franca nessuno avrebbe ascoltato di certo le grida di aiuto di una ragazzina. Invece lei sotto il vestito non aveva niente. Aveva un coltello che entrò senza fatica nel cuore del suo stupratore. Sentenza facile: condanna a morte. Per Nazanin. Colpevole di essersi difesa da chi la voleva morta. L'ha salvata una sollevazione internazionale niente pena capitale ma carcere duro e dovrà pagare i danni alla famiglia di chi ha cercato di stuprarla senza riuscirci. La sharia è così: non ha pietà per le donne ovunque vai dalle parti dell'Islam se sei femmina il tuo destino è segnato spesso dalle frustate. Nel mondo sono più di quaranta i Paesi che hanno adottato la legge musulmana come legge di Stato. E la fantasia nel colpire le donne non manca mai. In Iran per le adultere c'è la pena di morte preferibilmente attraverso la lapidazione. Con una precisazione però: «Le pietre non devono essere tanto grosse da uccidere il condannato al primo o secondo colpo né tanto piccole da non poter essere definite vere e proprie pietre». Non si muore facile non si muore subito. E se non porti il velo o se non ti vesti come si deve consolati: c'è la pubblica frusta. In Siria chi uccide la moglie adultera non viene punito chi uccide il marito adultero invece fa la sua stessa fine. In Pakistan chi denuncia il proprio violentatore senza prove rischia la flagellazione. Ma la rischia lo stesso anche se non lo denuncia o se resta incinta. E a volte può capitare di essere violentate dai poliziotti un momento dopo aver presentato la denuncia.
La vita però a volte è più dura della morte. In Sudan quattro bambine su dieci sono costrette a svolgere lavori pesanti in Indonesia oltre a ricevere la metà della paga degli uomini lavorano più ore in condizioni più dure e se restano incinte vengono licenziate. Aver commesso reato oppure no in fondo conta poco. È essere donna che è un reato. Un articolo di Fausto Biloslavo su un'incredibile sentenza emessa in Arabia Saudita:
Se vieni stuprata in Arabia Saudita da una banda di sette delinquenti ma eri in compagnia di un uomo che non è tuo marito o un familiare il giudice ti condanna a 90 frustate. Se ti lamenti e chiedi l'appello spifferando tutto ai media la pena raddoppia a 200 frustate e sei mesi di carcere sempre in nome del Corano. Non è un incubo ma l'incredibile storia di una ragazza di 19 anni rea di essersi appartata con un suo coetaneo e poi sorpresa dagli stupratori che hanno violentato entrambi. Ieri sono scesi in campo i pezzi da novanta della corsa alle presidenziali americane. A cominciare da Hillary Clinton che ha rivolto un vibrante appello all'inquilino della Casa Bianca George W. Bush per salvare la ragazza saudita dall'incredibile ingiustizia.
«Invito urgentemente il presidente a chiamare re Abdullah (il sovrano saudita ndr) chiedendogli di cancellare tutte le accuse contro la donna» ha dichiarato la moglie di Clinton. Il nome della vittima non è mai stato rivelato ma sui giornali l'hanno ribattezzata la "ragazza di Qatif" un sobborgo sciita dove è avvenuta la violenza di gruppo. Anche l'altro candidato di punta dei democratici Barak Obama si è mosso per la giovane saudita con una lettera al segretario di Stato Condoleezza Rice. Le chiede di condannare apertamente l'assurda sentenza. Nonostante le proteste l'inesorabile "giustizia" saudita fa il suo corso. Il fattaccio è accaduto un anno e mezzo fa. La ragazza era appartata in un'auto con un suo coetaneo quando sono stati sorpresi da una banda. In sette l'hanno violentata per 14 volte. Gli stupratori sono stati arrestati e condannati a pene che variano da uno a cinque anni. Anche loro rischiano il raddoppio della pena e forse la condanna a morte.
Il problema è che in gattabuia è finita anche la vittima accusata di aver violato il rigido codice islamico applicato in Arabia Saudita che sancisce l'assoluta separazione fra uomini e donne prima del matrimonio. La ragazza di Qatif non si è data per vinta e attraverso il suo avvocato ha reso nota la vicenda alla stampa. La notizia ha fatto il giro del mondo infastidendo i magistrati sauditi che dovevano giudicarla.
Prima dell'appello la giovane si è sposata ma non è servito. L'inflessibile corte ha raddoppiato il numero di frustate a 200 e condannato la poveretta a sei mesi di galera in nome della sharia la legge islamica. Il ministro saudita della Giustizia ha difeso la sentenza mettendo in guardia contro i tentativi «di agitazione attraverso i media». Non solo: Abdel Rahman al Lahem l'avvocato che aveva difeso la donna si è visto sospendere la licenza: «La mia cliente è vittima di un orribile crimine. Penso che la sentenza contravvenga alla legge islamica e violi le convenzioni internazionali. La Corte – ha coraggiosamente denunciato il legale – avrebbe dovuto trattare la ragazza come vittima e non come colpevole». www.faustobiloslavo.com

drink your POISON made by yourself amen hanno ottenuto il golpe con il favore delle tenebre! cioè dei satanisti massoni USA UE.. poi tutti gli altri diritti umani civili giuridici costituzionali democratici possono essere calpestati! 13 aprile 2014 Servizi di sicurezza ucraini iniziano una massiccia operazione con l'esercito. I servizi di sicurezza ucraini iniziano una massiccia operazione che coinvolge le forze armate nella parte orientale del paese lo ha detto domenica sul canale televisivo ucraino "Rada" Il facente funzione di presidente Alexander Turchynov. Questa decisione è stato riferito dal servizio stampa è stata presa dal consiglio per la Sicurezza Nazionale e la difesa dell'Ucraina. Turchynov ha anche detto che le autorità stanno facendo di tutto per evitare perdite umane ma pronto sono pronti a "combattere con le armi."
Turchynov ha promesso che garantirà l'esenzione dalla pena a quegli attivisti che entro la mattina del 14 aprile rilascieranno gli edifici occupati nell'est del Paese.
Un'ondata di proteste sta incendiando il sudest dell'Ucraina. I manifestanti chiedono la federalizzazione.: http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_13/Servizidisicurezzaucrainiinizianounamassicciaoperazioneconlesercito1003/


drink your POISON made by yourself amen
hanno ottenuto il golpe con il favore delle tenebre! cioè dei satanisti massoni USA UE.. poi tutti gli altri diritti umani civili giuridici costituzionali democratici possono essere calpestati! 13 aprile 2014 Candidato presidenziale ucraino: le autorità di Kiev hanno superato il limite. Il candidato presidenziale ucraino Oleg Tsarov ritiene che la responsabilità del sangue per i disordini di Sloviansk regione di Donetsk si deve cercare a Kiev. Per mesi la gente scende in strada con la semplice richiesta della federalizzazione ma le autorità di Kiev non hanno voluto alcun negoziato". I negoziati avvengono "solo attraverso arresti intimidazioni e ricatti. Oggi hanno usato le forze armate. Noi crediamo che il governo abbia ampiamente superato ogni limite" ha detto Tsarov. In precedenza il Ministro ad interim degli Affari Interni dell'Ucraina Arsen Avakov aveva annunciato l'inizio dell'operazione militare a Sloviansk dove i sostenitori della federalizzazione del Paese avevano preso il controllo di un certo numero di edifici amministrativi.: http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_13/CandidatopresidenzialeucrainoleautoritadiKievhannosuperatoillimite4140/


drink your POISON made by yourself amen
13 aprile 2014 Ministero degli Esteri russo ha esortato i "tirapiedi del maidan" di fermare la "guerra al popolo". Mosca chiede agli "scagnozzi del Maidan" di "fermare la loro guerra contro il proprio popolo" e che la crisi del SudEst dell'Ucraina arrivi all'attenzione urgente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e dell'OSCE così ha dichiarato il ministero degli Esteri. "Condanniamo con forza le azioni di forza bruta dei militanti di "settore destro"e di altri gruppi armati illegali contro i manifestanti e gli attivisti nel sudest dell'Ucraina. Particolare indignazione è provoca dalla decisione di Olexander Turchinov di utilizzare l'esercito per sedare le proteste"ha fatto saper in un comunicato il Ministero.: http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_13/MinisterodegliEsterirussohaesortatoitirapiedidelmaidandifermarelaguerraalpopolo1283/

drink your POISON made by yourself amen
13 aprile 2014 [ le quote degli schiavi le briciole mentre il signoraggio bancario che Rothschild ha rubato e continua a rubare è nelle sue mani.. ecco perché è necessario che dobbiate morire tutti nelle terza guerra mondiale nucleare! infatti senza sovranità monetaria voi non meritate di vivere! ] Una fonte del G20 afferma che la riforma del FMI è in un vicolo cieco. I paesi partecipanti al gruppo dei "G20" in un incontro a Washington nella sessione di primavera del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale non hanno potuto fare progressi nella discussione sulla riforma del sistema delle quote del fondo. I Leader del G20 a Seoul nel 2010 avevano concordato una revisione delle quote del FMI a favore dei Paesi in via di sviluppo. Entro gennaio 2013 è stato previsto lo sviluppo di una nuova formula per l'assegnazione delle quote.
Ci si aspettava che il Congresso degli Stati Uniti ratificasse la revisione delle quote nell'autunno del 2013 ma questo non è accaduto.
I "G20" hanno deciso di dare un'altra possibilità agli Stati Uniti e in effetti la situazione è in fase di stallo" ha detto ai giornalisti una fonte del G20.
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_13/UnafontedelG20affermachelariformadelFMIeinunvicolocieco4098/


drink your POISON made by yourself amen
13 aprile 2014 L'Iran si riserva il diritto di arricchire l'uranio al 90 %."Crediamo che il nostro Paese debba godere degli stessi diritti degli altri membri del Trattato di non proliferazione delle armi nucleari. Questo significa che abbiamo il diritto di arricchire l'uranio dall'1 al 90%" ha detto oggi il capo della Organizazione per l'energia atomica dell'Iran Ali Akbar Salehi.
Secondo lui l'Iran ha accettato di ridurre il suo programma di arricchimento dell'uranio a un livello del 5 %"come un passo volontario nel quadro della convenzione di Ginevra".
Salehi anche detto che l'Iran progetta di costruire con il supporto di specialisti russi 4 centrali nucleari nei prossimi anni.
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_13/LIransiriservaildirittodiarricchireluranioal906541/


drink your POISON made by yourself amen
Israele potrebbe attaccare l'Iran quest'anno
Datagate Snowden rivela: la NSA può intercettare qualsiasi telefonata
Il debito dell'Ucraina verso la Federazione russa è 16 miliardi dollari
Henry Kissinger si schiera con Putin

drink your POISON made by yourself amen
5 marzo "In Ucraina il colpo di stato preparato da USA e UE". Gli USA e la UE avevano preparato una "Euromaidan" nella capitale dell'Ucraina da diversi anni ha dichiarato in un'intervista al canale internazionale "Press TV" l'ex ufficiale dell'intelligence statunitense Scott Rickard. Secondo lui il governo degli Stati Uniti ha speso per finanziare le proteste a Kiev oltre 5 miliardi di dollari. Tra i principali sponsor del colpo di stato in Ucraina secondo l'ex funzionario della CIA figurano il fondatore del sito di aste online eBay Pierre Omidyar e il finanziatore e speculatore americano George Soros.
Secondo Rickard gli eventi ucraini hanno motivazioni economiche e geopolitiche. L'Occidente ha l'obbiettivo di far entrare l'Ucraina così come le altre ex repubbliche sovietiche nella NATO.
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/news/2014_03_05/InUcrainacolpodistatopreparatodaUSAeUE5261/


drink your POISON made by yourself amen
Naftali Bennett and Binyamin Netanyahu] [ paradossalmente soltanto la mia determinzione potrebbe fare evitare la terza guerra mondiale! i maniaci religiosi non sono idonei a potersi fermare da soli.. il loro procedimento/AGENDA: LEGA ARABA non può essere fermato dall'interno senza che non si dichiarino reciprocamente di essere i traditori per uccidersi tra di loro! Israele deve agire subito perché il tempo passa sempre contro di noi! il demonio deve essere cacciato o ti ucciderà! [ quindi i palestinesi devono essere tutti deportati in Siria! la debolezza con loro è vulnerabilità per noi! lo scontro di civiltà non è colpa nostra perché è loro che hanno la sharia ] [ perché nessuno ha il coraggio di dire alla LEGA ARABA voi siete tutti terroristi perché la sharia è il terrorismo!.. voi siete i più pericolosi assassini seriali senza diritti umani senza libertà di religione protetti dai satanisti CIA ONU 322 tutti i peggiori massoni anticristo del mondo come Bush Kerry e Obama Gender la ideologia abominio sull'altare per satana! ] [ quindi i palestinesi devono essere tutti deportati in Siria! la debolezza con loro è mortale vulnerabilità per noi! lo scontro di civiltà non è colpa nostra perché è loro che hanno la sharia nazi! ]Bennett: Have We No Red Lines? [ vergogna vergogna Israele! tu non puoi parlare o vivere con tutti i maniaci religiosi gli assassini seriali senza libertà di religione e senz dirttiumani in tutta la LEGA ARABA di sharia UMMa imperialismo. tu devi deportare tutti i Palestinesi in Siria! altrimenti tu sarai responsabile per altre persone innocenti che moriranno! tu sarai responsabile per la guerra mondiale! ] questo significa essere: " il popolo eletto! "... il destino del genere umano dipende da noi!

drink your POISON made by yourself amen il tempo passa sempre contro di noi! il demonio deve essere cacciato o ti ucciderà! [ quindi i palestinesi devono essere tutti deportati in Siria! la debolezza con loro è vulnerabilità per noi! lo scontro di civiltà non è colpa nostra perché è loro che hanno la sharia ] MK Feiglin: Bennett Won't Quit Govt. [ perché nessuno ha il coraggio di dire alla LEGA ARABA voi siete tutti terroristi perché la sharia è il terrorismo!.. voi siete i più pericolosi assassini seriali senza diritti umani senza libertà di religione protetti dai satanisti CIA ONU 322 tutti i peggiori massoni anticristo del mondo come Bush Kerry e Obama Gender la ideologia abominio sull'altare per satana! ] Likud MK Moshe Feiglin says that he expects Jewish Home and Naftali Bennett to remain in the government despite his threats [ quindi i palestinesi devono essere tutti deportati in Siria! la debolezza con loro è mortale vulnerabilità per noi! lo scontro di civiltà non è colpa nostra perché è loro che hanno la sharia nazi! ] By Yaakov Levi. First Publish: 4/13/2014 Likud MK Moshe Feiglin said Sunday that despite the rumors of change abounding he expected Minister Naftali Bennett to stay put in the government – and Jonathan Pollard to stay in jail. "I don't want to prophesy about the future" Feiglin told Arutz Sheva in an interview. But he expected that a compromise wording would be found which would satisfy the Palestinian Authority (PA) and allow the release of terrorists including Israeli Arabs while enabling Jewish Home led by Bennett to remain in the government. This is the fourth time Israel is set to release terrorists in the latest "round" of releases which began last year. Israel committed to releasing over 100 terrorists many responsible for the deaths of multiple Israelis as a "gesture" to tempt PA chief Mahmoud Abbas to restart talks with Israel after a threeyear hiatus. So far Israel has released more than 75 terrorists. Another 26 terrorists were set to be released several weeks ago but the government held up the release at the last moment. In response the PA threatened to cut off talks with Israel altogether and sent documents to 15 UN committees and commissions demanding recognition as a full member state in violation of a commitment they gave not to do so to U.S. Secretary of State John Kerry. The talks began to unravel completely last month when the PA's refusal to recognize Israel as a Jewish state and its refusal to extend talks beyond their April 29 deadline led Israel to indefinitely postpone the final tranche of 26 remaining jailed terrorists out of 104 convicted terrorists being released in a "goodwill" gesture that was contingent on the progress of negotiations.
Last week Jewish Home chairman Naftali Bennett announced that his party will leave the coalition if Israel agrees to release IsraeliArab terrorists as part of a framework agreement to extend peace talks with the PA. But Feiglin said he doubted this would be the case. Feiglin said that he had raised the issue with Jewish Home already in the first round of prisoner releases impressing upon Bennett and his fellow party MKs how unjust releasing terrorists was.
At least now Feiglin said the party had woken up to his message and was at least publicly agreeing with him that the prisoner release was immoral and should not take place. "The release of terrorists is a moral injustice that must opposed in any way possible" said Feiglin. "I don't see any difference in their being Israeli or not. Just the opposite with the Palestinian Authority demanding that they be released we see who these Israeli Arabs really affiliate with."

drink your POISON made by yourself amen Bennett: Have We No Red Lines? [ vergogna vergogna Israele! tu non puoi parlare o vivere con tutti i maniaci religiosi gli assassini seriali senza libertà di religione e senza dirtti umani in tutta la LEGA ARABA di sharia UMMa imperialismo. tu devi deportare tutti i Palestinesi in Siria! altrimenti tu sarai responsabile per altre persone innocenti che moriranno! ] Economy Minister keeps hammering at proposed deal says: 'The world despises a country that releases the murderers of children.' By Iddo Ben Porat Gil Ronen. First Publish: 4/13/2014. Naftali Bennett and Binyamin Netanyahu] [ Chairman of the Jewish Home party Economy Minister Naftali Bennett called upon the Prime Minister to stop what he called the "steady deterioration" in Israel's status and shelve the proposal to release hundreds of terrorists in exchange for continued diplomatic negotiations."It's time to draw a red line" Bennett said on Channel 2. "The State of Israel – even before the Netanyahu era – had been steadily deteriorating. First it freed one terrorist for one soldier then a hundred terrorists in exchange for one soldier and now hundreds of murderers – for what?" Minister Bennett stressed: "We have to draw the line. I can see how over time we are humiliating ourselves. They are talking about releasing the murderers of three soldiers in Wadi Ara on the Night of the Pitchforks (a lethal terrorist attack on a military base in 1992). That means that when we go shopping in the supermarket in Hadera there will be a terrorist there who murdered three soldiers in basic training with pitchforks and axes in their sleep."
The Chairman of the Jewish Home made ​​it clear he does not want to lead the Knesset to new elections. "We feel good inside the government we are doing a good job" he said "but someone has draw a red line to stop that terrible decline. Who is the prime minister here? Netanyahu or Mahmoud Abbas?" "The ball is in the prime minister's court" Bennett argued. "He can go to the Palestinians and tell them 'no more' no releasing murderers. Does Israel have red lines or is everything up for continued negotiations? What did the nine months [of negotiations] bring us? More and more murderers. "What single step did the Palestinians take to meet us halfway? Did they stop the incitement? Did they stop transferring funds to Gaza? Netanyahu is a responsible man and I truly appreciate it. His success is the success of the State of Israel. The problem started before him but he continued the terrible deterioration. No country dares to release terrorists.
''The world despises a country that releases the murderers of children" said the Minister of Economy who added that [Justice Minister and chief negotiator Tzipi] Livni was given nine months to negotiate and all she did was shame Israel."
drink your POISON made by yourself amen
Ucraina del governo illegale del GOLPE voluto dalla Europa allora i manifestanti non erano chiamati terroristi! ] blitz antiterrorismo di Kiev nell'Est [ così il popolo è un terrorista quando rivendica la sua sovranità questo è quello che la democrazia dei bildenberg è diventata: fascisti nazisti USA 322 UE 666 NATO: "dove è la nostra sovranità politica e monetaria? come noi possiamo essere un popolo libero con le associazioni segrete massoniche?" ]. Nuovo ultimatum ai filorussi. Tensione UsaMosca. Nuova occupazione di miliziani filorussi a Mariupol. Colloquio telefonico tra Kerry e Lavrov. Appello di Ban KiMoon: "Abbassare la tensione". Ucraina nuove azioni armate nell'est. Manifestanti proRussia custodiscono una barricata di fuori di un edificio della polizia regionale sequestrato dai separatisti armati in Slavyansk. Kiev 13 aprile 2014 Situazione ancora molto tesa in Ucraina. Il ministro degli Interni ucraino Arsen Avakov ha annunciato su Facebook l'inizio di "un'operazione antiterrorismo a Sloviansk" città dell'est del Paese dove ieri uomini armati filorussi hanno preso edifici dei servizi di polizia e di sicurezza. L'operazione antiterrorismo ha provocato almeno tre morti e diversi feriti si legge ancora sulla pagina Facebook del ministro degli interni ucraino. I reparti speciali ucraini hanno tentato di riprendere il controllo del quartier generale della polizia ma sono stati respinti dal fuoco dei filorussi ha riferito Avakov. "I separatisti hanno cominciato a proteggersi con scudi umani" ha aggiunto il ministro. Il riferimento potrebbe essere alle donne che hanno sfidato il freddo e la leggera pioggia per schierarsi davanti alla sede della polizia al fine di impedire un eventuale assalto. A complicare ulteriormente la situazione è arrivata la notizia che in un'altra città della provincia Mariupol miliziani filorussi hanno occupato il municipio. L'assalto di cui ha dato notizia il sito ucraino 0629 ha fatto seguito a una manifestazione nella città di mezzo milione di abitanti in cui un migliaio di manifestanti avevano espresso sostegno per la creazione della "repubblica di Donetsk" indipendente da Kiev.. LA REPLICA DI MOSCA La Russia dal canto suo ha accusato senza mezzi termini il governo ucraino di apprestarsi ad intraprendere "una guerra contro il proprio popolo". Mosca si è dichiara "oltraggiata" dalla decisione di Kiev far intervenire l'esercito nelle regioni orientali. Il ministero degli esteri russo ha detto che l'ordine di usare l'esercito per sopprimere le proteste è vergognoso e ha reso noto che intende portare il caso al Consiglio di sicurezza dell'Onu e all'Osce per una discussione urgente.
drink your POISON made by yourself amen
US plots new wave of chemical attacks in Syria: [ NATO USA LEGA ARaBA sono i più grandi criminali terroristi bugiardi assassini predatori di tutta la storia del genere umano sono gli assassini senza speranza di redenzione perché sono satanisti!! ] Analyst Sun Apr 13 2014. 'Foreigners culprit in Syria terrorism'. Blair eludes ICC war crimes probe. Related Viewpoints: Gladio II: War on Russia Syria Iran. A group of rogue elements affiliated with former US President George W. Bush are plotting new chemical attacks in Syria an analyst tells Press TV in an interview. Kevin Barrett said sarin gas for potential attacks similar to the August 2013 deadly chemical raid on Syrians is being manufactured in Tbilisi Georgia. "I think we need to put this news out to the world... about the manufacture of sarin gas at Tbilisi and the fact that a rogue group of Americans is apparently behind this – people connected with the Bush administration" the commentator said. Barrett said US President Barack Obama's redline warning on the use of chemical attacks a year ago "gave the insurgents tremendous motivation to conduct false flag gas attacks in order to blame" the government of Syrian President Bashar alAssad. He said the 2013 chemical attack in alGhouta was a "falseflag" operation by foreignbacked militants in that country to "bring in the US to bomb Syria." "So I'm afraid that the war party in the US is up to its usual tricks" said Barrett. America's leading mainstream investigative journalist Seymour Hersh recently published article exposing the chemical weapons attack in alGhouta last August as a false flag provocation. By the time of the attack the US and some of its allies blamed Damascus for the chemical attack on alGhouta. However the Syrian government strongly denied the accusation saying the attack was carried out by the militants operating inside the country to draw in foreign intervention. Subsequent investigations by the UN and Russia backed Syria's assertions. Over 130000 people have reportedly been killed and millions displaced due to the violence fueled by Westernbacked militants in Syria.
KA/HMV/SL
drink your POISON made by yourself amen
curious case of Flight MH370 [ la più brutta storia CIA 666 cannibali di rapimento aereo dopo 1109! ] Sun Apr 13 2014.
US on nuclear false flag high alert. A veteran Iranian pilot says it is unacceptable to say an aircraft has gone missing as is the case with the missing Malaysian airliner because most airplanes have an Air Traffic Control (ATC) Transponder.
In an exclusive interview with Press TV Iran Aseman Airlines Pilot Alireza Mortezazadeh said the transponder is a communication device that receives radar interrogation and sends back a code with the aircraft's position its altitude and its call sign to air traffic controllers.
Through the Transponder Air Traffic Control (ATC) can identify which aircraft is under their radar. If the transponder is switched off the aircraft can still be seen on the radar however no information is sent back to ATC from the aircraft.
Referring to the Malaysia Airlines Flight 370 he added that it is not acceptable for a pilot to switch off the system adding that pilots who do so would face penalties such as limitations on the level of altitude they can fly.
Moreover the ATC controls all the aircraft in the world and would send notifications to check an aircraft as soon as the Transponder stops sending signals.
He went on to say that even if the transponder was switched off and ATC radars were not able to track the plane similar to what happened for the Malaysia Airlines Flight 370 military radars which are equipped with high tech should have been able to pick up the signals of the plane.
In Captain Mortezazadeh's point of view the case of Flight 370 is a mystery which is very hard to solve on the strength of such limited information. He believes the explanation provided by the airplane industry is unacceptable stressing that the Malaysian officials are withholding certain information from the public.
SD/PR/SL
drink your POISON made by yourself amen
[ non esiste per USA UE Fmi Lega ARABA ONU Amnesty una relazione con il diritto internazionale! il loro atteggiamento è sostanzialmete immorale illegale criminale! esso è legato soltanto al bullismo infatti loro credo di essere più ricchi più forti e questo è tutto quello che è il loro diritto internzionale! ] [ ma se fosse per le possibilità di bullismo o per le relazioni di forza? poi io avresi sempre ragione perché io sono il più forte! ma poiché io sono anche il più giusto io do sempre le regole e le motivazioni senza corruzione e senza ipocrisia ] US going to Saudi Arabia for punishing Russia: Analyst. This file photo shows a pressure gauge on RussiaUkraine gas pipeline. Sun Apr 13 2014. The US threats of oil and gas sanctions against Russia over Ukraine crisis imperil energy security across the world an analyst writes in a column for the Press TV website. Igor Alexeev said Russia may cut gas supply to energythirsty Europe in retaliation for Washington's sanctions against Moscow.  "For the first time ever in the history of USRussian relations we are seeing a public debate about a threat of economic sanctions that may have a longrange negative effect on global energy security" he wrote.
Regarding US's offer to deliver gas to Europe after Russia threatened to cut off the export of the commodity Alexeev said the European countries are "neither technically nor in terms of price" prepared to take delivery of energy from the United States. "It would take at least ten years to adapt even the technically advanced German energy system to work with American gas supply." he said adding "In a crisis when it is particularly urgent to see a quick return on an investment such projects are unrealistic." Alexeev said US President Barack Obama is soliciting oilrich Arab states including Saudi Arabia and Qatar to find a way to punish oil and gasrich Russia. "The Obama administration acts as if it is guided by a chapter out of an old Soviet textbook on political economy" he wrote. Russia provides about half of Ukraine's and 30 percent of Europe's total gas demand with key pipelines on the Ukrainian territory. Tensions between Moscow and the West remained high since Crimea separated from Ukraine and requested to join Russia after a referendum on March 16 in which nearly 97 percent of the participants voted for rejoining Russia. Russia subsequently accepted Crimea's request. Following Crimea's integration with Russia the US and the European Union imposed sanctions against Russian officials. The US has threatened to impose economic sanctions on Russia.
KA/HMV/SL

drink your POISON made by yourself amen
Gabriel Light https://plus.google.com/u/0/110816671768601139756
but you have responded to a single one of all my questions but all the others questions: are not for you! Islam is the genocide of all peoples.. and no one can live in the UMMA without being blackmailed threatened raped killed kidnapped raped etc...
YOU EXIT FROM MY PAGE you SON OF THE DEVIL MUSLIM serial murderess! you have not answered a single one of my questions about human rights! in the name of Jesus get out satanic beast son of garbage and ignorance! handle your evil life religious brainless criminal sharia imperialism nazi! I do not have the dhimmi shy you only have them you're worse than a fascist Nazi racist.. mentally ill deranged pedophile.. a murderess slave trader.. demon go away in Jesus's name! and do not come back on my page because all the other Muslims in the world sharia? they are all criminals like you!
/watch?v=8pdeoXH3GAc /watch?v=8pdeoXH3GAc
ma tu hai risposto ad una sola mia domanda ma a tutte le altre no! Islam è il genocidio dei popoli.. e nessuno può vivere nella UMMA senza essere ricattato minacciato violentato ammazzato rapito stuprato ecc..
TU ESCI DALLA MIA PAGINA FIGLIO DEL DEMONIO MUSULMANO assassino seriale! tu non hai risposto ad una sola delle mie domande circa i diritti umani! nel nome di Gesù vattene bestia satanica figlio della immondizia e della ignoranza! manico religioso senza cervello! io non ho i dhimmi schivi tu soltanto li hai tu sei peggio di un fascista nazista razzista.. malato mentale squilibrato.. pedofilo di un assassino commerciante di schiavi.. vattene demonio e non farti più vedere sulla mia pagina perché tutti gli altri musulmani del mondo sharia? sono tutti criminali come te!!
Pedophile Muhammad idol moon Gabriel Light /watch?v=8pdeoXH3GAc

drink your POISON made by yourself amen
Sunday Apr 13 2014. Russia says Kiev`s planned operation against protesters 'criminal' [ senza regno UNIUS REI SARà GUERRA MONDIALE! ]
The US government is preparing the American people for a new world war by raising allegations against Russia and China over the crisis in Ukraine an analyst writes in a column for the Press TV website.
Gordon Duff said the US officials have been fabricating stories in recent weeks telling people "that none of their weapons can keep them safe not from the Russian and Chinese hordes." "Stories of these hordes... [are]... a staged incident intended to justify a war that will certainly be the last world war" wrote the analyst.
Tensions between Moscow and the West remain high after Crimea separated from Ukraine and requested to join Russia after a referendum on March 16 in which nearly 97 percent of the participants voted for rejoining Russia. Russia subsequently accepted Crimea's request. "Zionist extremists bent on a fullscale world war between the US China and Russia will control two thirds of America's government by January 2015" further wrote Duff.
The analyst said the belligerent Zionists will then nominate two "prowar" candidates for the next presidential election. "This will not be an election it will be an apocalypse" he wrote.
Duff further said the recent US bid to boost its military presence worldwide comes as the country already spends 60 percent of its gross national product on defense and "accounts for 53 percent of the weapons budget for the entire planet."
The US Air Force is deploying 18 fighter jets already based in Europe to Poland for joint maritime exercises at Lask Air Base in the Black Sea amid continued tensions between the West and Russia over Ukraine.
Meanwhile the guidedmissile destroyer USS Donald Cook also arrived in the Black Sea on Thursday.
drink your POISON made by yourself amen
my Israel non si addormenta il tuo custode: "JHWH" NON SI ADDORMENTA IL CUSTODE DI GIACOBBE " UNIUS REI"